Ancora sul danno morale ed il danno da perdita parentale

È condivisibile il principio “contenitivo”, affermato dalle Sezioni Unite nella sentenza dell’11/11/2008, per cui dà luogo a una duplicazione del risarcimento la congiunta attribuzione, al familiare della persona defunta (o gravemente lesa al punto da determinarne lo stato vegetativo o il coma), del danno morale e del danno da perdita del rapporto parentale, in quanto […]

Continua a Leggere

Tubazione del gas sulle parti comuni

Il comune possesso della cosa giustifica, in capo al singolo possessore, un uso personale di essa, purché l’uso stesso non alteri la fruizione della cosa. L’alterazione predetta non ha luogo nell’ipotesi di installazione di tubazioni del gas sul porticato e muro perimetrale dell’edificio condominiale che intacchi l’edificio di comune possesso solo parzialmente, in quanto, a […]

Continua a Leggere

Compravendita di un’unità immobiliare in condominio: a chi spettano le spese per i lavori straordinari già deliberati?

  In caso di vendita di un’unità immobiliare in condominio, nel quale siano stati deliberati lavori di straordinaria manutenzione, ristrutturazione o innovazioni sulle parti comuni, qualora venditore e compratore non si siano diversamente accordati in ordine alla ripartizione delle relative spese, è tenuto a sopportarne i costi chi era proprietario dell’immobile al momento della delibera […]

Continua a Leggere

Tradimento del coniuge e il diritto al mantenimento

Il tradimento del coniuge e la conseguente separazione con addebito non comporta automaticamente il diritto del partner tradito a ricevere l’assegno di mantenimento. Il giudice, infatti, dovrà valutare caso per caso se il “coniuge cui non sia addebitabile la separazione” sia “privo di adeguati redditi propri”. E solo se non potrà “mantenere un tenore di […]

Continua a Leggere

Il locatore può essere diverso dal proprietariodell’immobile

Chiunque abbia la disponibilità di fatto di una cosa in base a titolo non contrario a norme di ordine pubblico, può validamente concederla in locazione, in comodato o costituirvi altro rapporto obbligatorio ed è, in conseguenza, legittimato a richiederne la restituzione allorché il rapporto venga a cessare. Il rapporto di locazione, di natura obbligatoria, spiega […]

Continua a Leggere

Il nome Andrea per una bambina? Si della Cassazione

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile – Sentenza 20 novembre 2012, n. 20385 ASSEGNAZIONE DEL NOME – FIGLIA FEMMINA – NOME DI NATURA SESSUALMENTE NEUTRA. A una bambina può essere dato il nome Andrea in quanto tale nome ha natura sessualmente neutra nella maggior parte dei Paesi stranieri, ed oltre a ciò, va riconosciuto il […]

Continua a Leggere