images (1)

    Ripartizione delle spese per la riparazione lastrico solare

        Le spese di riparazione del lastrico solare di utilizzo esclusivo vanno spartite, per due terzi, tra i condòmini dell’edificio o della parte cui il lastrico funge da copertura. Si tratta, difatti, di esborsi spettanti solo ai proprietari delle unità comprese nella proiezione verticale del manufatto da riparare o da ricostruire e non anche […]

    Continua a Leggere
    ristrutturazione-condominio_3

    Manutenzione della facciata condominiale: riparto della spesa

      Le spese di manutenzione della facciata devono essere ripartite tra tutti i proprietari, trattandosi di cosa comune rientrante tra quelle di cui all’art. 1117 del codice civile. Infatti, la facciata costituisce una delle strutture essenziali ai fini dell’esistenza stessa dello stabile unitariamente considerato, quindi, ricade necessariamente fra le parti oggetto di comunione fra i […]

    Continua a Leggere

    Lite condominiale e riparto delle spese conseguenti

        In tema di condominio degli edifici, è invalida la deliberazione dell’assemblea che, all’esito di un giudizio che abbia visto contrapposti il condominio ed un singolo condomino, disponga anche a carico di quest’ultimo, “pro quota”, il pagamento delle spese sostenute dallo stesso condominio per il compenso del difensore nominato in tale processo, non trovando […]

    Continua a Leggere
    scaffolding-595607_960_720

    Delibera condominiale di approvazione lavori straordinari e alienazione dell’immobile

        In tema di riparto delle spese condominiali concernenti lavori straordinari sulle parti comuni, laddove, successivamente alla delibera assembleare che abbia disposto l’esecuzione di tali interventi di manutenzione straordinaria, sia venduta un’unità immobiliare sita nel condominio, i costi dei lavori gravano, secondo un criterio rilevante anche nei rapporti interni tra compratore e venditore, che […]

    Continua a Leggere
    images-2

    Condominio e decoro architettonico

      Costituisce innovazione lesiva del decoro architettonico del fabbricato condominiale, come tale vietata, non solo quella che ne alteri le linee architettoniche, ma anche quella che comunque si rifletta negativamente sull’aspetto armonico di esso, a prescindere dal pregio estetico che possa avere l’edificio. La relativa valutazione spetta al giudice di merito ed è insindacabile in […]

    Continua a Leggere
    img-usura

    Accordo transattivo relativo al pagamento degli oneri condominiali

      Non rientra tra le attribuzioni dell’amministratore il potere di pattuire con i condomini morosi dilazioni di pagamento o accordi transattivi, spettando all’assemblea il potere di approvare una transazione riguardante spese d’interesse comune, ovvero di delegare l’amministratore a transigere, fissando gli eventuali limiti dell’attività dispositiva negoziale affidatagli. CHIEDI UNA CONSULENZA   Corte di Cassazione REPUBBLICA […]

    Continua a Leggere
    Parti-comuni-nel-condominio

    Nomina di una commissione di condomini

        L’assemblea condominiale ben può deliberare la nomina di una commissione di condomini deputata ad assumere determinazioni di competenza assembleare. Tuttavia, le determinazioni di tale commissione, per essere vincolanti anche per i dissenzienti, ex art. 1137, comma 1, c.c., devono essere approvate, con le maggioranze prescritte, dall’assemblea medesima, non essendo le funzioni di quest’ultima […]

    Continua a Leggere

    Diritto di accesso alla documentazione condominiale

      In tema di condominio, il libero accesso alla documentazione condominiale non può essere affatto precluso ovvero enormemente compresso da una delibera assembleare, in ragione del fatto che gli unici limiti cui è soggetto il potere di vigilanza e controllo di ogni singolo condomino, di stretta elaborazione giurisprudenziale, è quello per cui il diritto di […]

    Continua a Leggere
    images

    Derogabilità dei criteri legali per il riparto delle spese condominiali

        La disciplina legale della ripartizione delle spese per la conservazione ed il godimento delle parti comuni dell’edificio è, in linea di principio, derogabile ma sarà legittima solo la convenzione modificatrice di tale disciplina che sia contenuta nel regolamento condominiale contrattuale o nella delibera dell’assemblea approvata all’unanimità. CHIEDI UNA CONSULENZA   Corte di Cassazione Sezione […]

    Continua a Leggere