images

    Locazione: miglioramenti apportati alla cosa locata

      La clausola del contratto di locazione che esclude la corresponsione al conduttore di un’indennità per i miglioramenti non è da considerarsi clausola limitativa della responsabilità del locatore ai sensi dell’art. 1229 c.c., perché non incide sulle conseguenze della colpa o dell’eventuale inadempimento di quest’ultimo, bensì sul diritto sostanziale all’indennità prevista, con norma derogabile, dall’art. […]

    Continua a Leggere

    Valido il contratto di locazione d’immobile con abuso edilizio

        Il contratto di locazione non è invalido in caso di abuso edilizio, venendo a riverberare la condizione giuridica predetta sulla qualità del bene immobile, e non anche sulla eseguibilità della prestazione del locatore avente ad oggetto la concessione del pieno e continuato godimento del bene. CHIEDI UNA CONSULENZA Tribunale Roma Sezione 6 Civile […]

    Continua a Leggere
    xxs-c

    Locazione: risarcimento danni a seguito di inadempimento

        La Corte di Cassazione si pronuncia sull’entità e la natura del danno risarcibile. La risoluzione anticipata del contratto di locazione per inadempimento della controparte genera un danno risarcibile sulla cui natura ed entità si è definitivamente pronunciata la Corte di Cassazione. E’ infatti risarcibile l’interesse contrattuale positivo, pari all’incremento patrimoniale netto che la […]

    Continua a Leggere

    Locazione e utilizzo parziale dell’immobile locato

      L’eccezione di inadempimento per utilizzo parziale dell’immobile locato deve essere giustificata dall’inutilizzabilità dell’appartamento. Il conduttore può avvalersene non solo per la totale inutilizzabilità, ma anche solo per un minore godimento dell’immobile locato, ma questo omesso versamento deve essere secondo buona fede. CHIEDI UNA CONSULENZA Corte di Cassazione Ordinanza 5 marzo 2020 n. 6143 REPUBBLICA […]

    Continua a Leggere

    Locazione e sfratto per omesso pagamento dei canoni

      Nel corso di un processo per convalida di sfratto un conduttore moroso non può utilizzare, come scusante per il mancato pagamento dei canoni di locazione, la presunta carenza della messa a norma dell’impianto elettrico. Egli, infatti, ha la facoltà di agire di sua iniziativa e chiedere poi al proprietario il rimborso del costo dei […]

    Continua a Leggere

    Riscossione locazione immobili di proprietà e gestione commercianti INPS

      Va esclusa l’insorgenza dell’obbligo di iscrizione nella gestione commercianti presso l’Inps del soggetto che si limiti alla mera riscossione dei canoni di locazione degli immobili rientranti nel proprio patrimonio. Deve, pertanto, escludersi in tal caso la ricorrenza dell’attività a cui la legge ricollega l’obbligo di iscrizione alla Gestione Commercianti ove essa consista esclusivamente nella […]

    Continua a Leggere

    Omessa denuncia da parte del conduttore dei vizi della cosa locata

      In materia di locazione di beni immobili, quando il conduttore, all’atto della stipulazione del relativo contratto, non abbia denunziato i difetti della cosa da lui conosciuti o facilmente riconoscibili, deve ritenersi che abbia implicitamente rinunziato a farli valere, accettando la cosa nello stato in cui risultava al momento della consegna, e non può, pertanto, […]

    Continua a Leggere

    Cessione di azienda e cessione del contratto di locazione

        In base a quanto disposto dall’art. 36 della L. n. 392 del 1978, deve escludersi che la cessione dell’azienda, relativa ad un’attività esercitata in un immobile condotto in locazione, produca l’automatica successione del cessionario nel contratto de quo, in quanto la successione è soltanto eventuale e richiede comunque la conclusione, tra cedente e […]

    Continua a Leggere

    Autoriduzione del canone di locazione

        In tema di locazione di immobili urbani per uso diverso da quello abitativo, la cosiddetta autoriduzione del canone costituisce fatto arbitrario ed illegittimo del conduttore che provoca il venir meno dell’equilibrio sinallagmatico del negozio. La norma di cui all’art. 1578 c.c. non dà facoltà al conduttore di operare detta autoriduzione, ma solo a […]

    Continua a Leggere