E’ nulla la nomina dell’amministratore di condominio senza l’approvazione del compenso

  E’ nulla la nomina dell’amministratore di condominio – con conseguente nullità della delibera in parte qua -in assenza della specificazione analitica del compenso a quest’ultimo spettante per l’attività da svolgere, in violazione dell’art. 1129, c. 16.   CHIEDI UNA CONSULENZA Tribunale di Massa 6 novembre 2017 Motivi della decisione La domanda di Parte attrice […]

Continua a Leggere

Incapacità a testimoniare dei condomini e dell’amministratore

  In tema di controversie condominiali è fondata e meritevole di accoglimento l’eccezione di inutilizzabilità della deposizione testimoniale dei condomini. Questi ultimi, infatti, sono privi di capacità a testimoniare nelle cause che coinvolgono il condominio poiché l’eventuale sentenza di condanna è immediatamente azionabile nei confronti di ciascuno di essi. Anche l’amministratore, costituitosi in giudizio quale […]

Continua a Leggere

L’amministratore non è responsabile se non ci sono i fondi per pagare l’ assicurazione condominiale

  Tra i poteri dell’amministratore-mandatario rientra la facoltà, e non l’obbligo, di agire, ai sensi dell’art. 63 disp. att. c.c. , in via monitoria avverso i condomini morosi. Pertanto, laddove l’amministratore non dovesse, di fronte alla morosità dei condomini, esercitare tale azione, egli non risponde della mancanza di fondi nelle casse condominiali. Di questa mancanza […]

Continua a Leggere

Condominio e risarcimento danni per responsabilità da cose in custodia

    La condotta della vittima del danno causato da una cosa in custodia può costituire un “caso fortuito” ed escludere integralmente la responsabilità del custode, ai sensi dell’articolo 2051 del Cc, quando abbia due caratteristiche: sia stata colposa, e non prevedibile da parte del custode. Conseguentemente, il solo accertamento della condotta negligente della vittima […]

Continua a Leggere

Responsabilità dell’amministratore di condominio per gli infortuni degli operai

  L’amministratore di condominio è considerato committente ogni qual volta affida delle opere di manutenzione a terzi su parti comuni dell’edificio gestito. Pertanto, egli è tenuto sempre a verificare l’idoneità tecnico-professionale dell’impresa affidataria, delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi ed è, allo stesso tempo, tenuto a redigere (o a far redigere) il piano di […]

Continua a Leggere

Attenzione ai contributi condominiali versati sul conto corrente dell’amministratore

    Gli amministratori condominiali “disattenti” con i conti correnti rischiano pesantemente anche sul piano fiscale. La Corte di cassazione ha dato ragione all’agenzia delle Entrate che aveva giudicato incongruo il reddito dichiarato dal professionista proprio sulla base degli importi riscontrati sul suo conto corrente bancario, sul quale affluivano (a dire dell’amministratore) anche i contributi […]

Continua a Leggere

Ratifica dell’operato dell’ amministratore di condominio

    Qualora l’ amministratore di condominio agisca in difetto della previa autorizzazione dell’assemblea dei condomini, quest’ultima può comunque ratificare l’operato dell’amministratore stesso, anche se trattasi di attività non indifferibile o urgente, anche con la possibilità di una ratifica tacita. CHIEDI UNA CONSULENZA Amministratore di condominio – Azione – Mancanza – Autorizzazione – Assemblea – […]

Continua a Leggere

Decreto ingiuntivo – Opposizione – Legittimazione dell’amministratore di condominio

    L’amministratore di condominio, senza necessità di autorizzazione o ratifica dell’assemblea, può proporre opposizione a decreto ingiuntivo, nonché impugnare la decisione del giudice di primo grado, per tutte le controversie che rientrino nell’ambito delle sue attribuzioni ex art. 1130 c.c., quali quelle aventi ad oggetto il pagamento preteso nei confronti del condominio dal terzo […]

Continua a Leggere

L’omessa indicazione del compenso dell’ amministratore di condominio e sospensione nomina

  Al fine della sospensione delle delibere assembleari condominiali, occorre la valutazione e sussistenza dei presupposti del periculum in mora e del fumus boni iuris. Nella fattispecie, in ordine alla nomina dell’amministratore, se ne rilevava l’illegittimità perché non accompagnata dall’indicazione del compenso, come espressamente prescritto dalla legge, a nulla valendo la circostanza che sia noto […]

Continua a Leggere

Mancata sostituzione di amministratore di condominio dimissionario

L’art. 1129, c. 1, c.c., subordina l’intervento sostitutivo del tribunale alla esistenza di un condominio avente un numero di condomini superiore a otto ed all’incapacità dell’assemblea di nominare un amministratore. L’intervento sostitutivo dell’autorità giudiziaria non ha carattere discrezionale e, conseguentemente, neppure richiede la preventiva convocazione di tutti i partecipanti al condominio che giammai potrebbero opporvisi […]

Continua a Leggere