Luci e vedute

    Per essere qualificata come «veduta» e non semplice «luce» una apertura deve consentire l’affaccio ad una persona di altezza «normale» e non «media». Un criterio che permette di tener conto di un ventaglio più ampio rispetto alla «media» che invece indica una valore secco. CHIEDI UNA CONSULENZA   Proprietà – Diritto di servitù […]

Continua a Leggere

Servitù di parcheggio

    Il contratto che riconosca o costituisca una servitù di parcheggio di autovetture è nullo per impossibilità dell’oggetto, difettando la “realitas” propria del diritto di servitù, intesa come inerenza dell’utilità al fondo dominante, come del peso al fondo servente.   Cassazione – Sentenza n. 23708 del 06/11/2014   CHIEDI UNA CONSULENZA  

Continua a Leggere

Acquisto per usucapione di una servitù di veduta

    Ai fini dell’acquisto per usucapione di una servitù di veduta, è sufficiente che le opere permanenti destinate al relativo esercizio siano visibili da un qualsiasi punto d’osservazione, anche estraneo al fondo servente, purché il proprietario di questo possa accedervi liberamente, come nel caso di una via pubblica.   Corte di Cassazione – Sentenza […]

Continua a Leggere

Azioni a difesa delle servitù

    L’attore che agisce in “confessoria servitutis”, ai sensi dell’art. 1079 c.c., ha l’onere di provare l’esistenza del relativo diritto, presumendosi il fondo, preteso come servente, libero da pesi e limitazioni     Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 5 giugno– 8 settembre 2014, n. 18890 Presidente Piccialli– Relatore Nuzzo Svolgimento del processo […]

Continua a Leggere

Servitù di luce

    Le aperture lucifere di un immobile, contiguo al fondo del vicino, quando non abbiano carattere di vedute o di prospetti, sono considerate luci, secondo la previsione normativa dell’art. 902 c.c., anche se non sono state osservate le prescrizioni paradigmatiche dell’art. 901 c.c.; e, mentre da un lato chi le pone in essere esercita […]

Continua a Leggere

Servitù di passaggio e apposizione di cancello automatico

    In tema di servitù di passaggio, rientra nel diritto del proprietario del fondo servente l’esercizio della facoltà di apportare modifiche al proprio fondo e di apporvi un cancello per impedire l’accesso ai non aventi diritto, pur se dall’esercizio di tale diritto possano derivare disagi minimi e trascurabili al proprietario del fondo dominante in […]

Continua a Leggere

Costituzione della servitù

      Con riguardo alla servitù costituita per destinazione del padre di famiglia, non si richiede, ai fini della opponibilità del diritto ai successivi acquirenti del fondo servente, la permanenza del requisito della visibilità delle opere destinate all’esercizio della servitù, necessario per il sorgere del diritto” (Cass. Sez. 2, Sentenza n. 7698 del 19/07/1999; […]

Continua a Leggere

Servitù di passaggio coattivo

  L’esenzione dall’imposizione del passaggio (peraltro non assoluta) di case, cortili, giardini ed aie prevista dall’ultimo comma dell’art. 1051 c.c., non è estensibile oltre i casi espressamente previsti. Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 16 luglio – 11 ottobre 2013, n. 23160 Presidente Triola – Relatore Piccialli Svolgimento del processo Con atto notificato il […]

Continua a Leggere

Costituzione di una servitù a carico del bene comune

  Il diritto all’uso della cosa comune da parte del condomino non può estendersi fino al punto di determinare una consistente alterazione delle ordinarie modalità di uso delle restanti cose comuni. La trasformazione di un locale destinato ad autorimessa privata (con il conseguente limitato e specifico uso) in un’uscita di sicurezza di un locale pubblico […]

Continua a Leggere